Un percorso di qualità fino al piatto

A ttraverso un preciso e mirato piano di controlli, dalla materia prima alle varie fasi di lavorazione fino ai prodotti finiti, si assicura che la mozzarella di bufala risponda ai più rigorosi parametri igienico-sanitari per garantire al consumatore la sicurezza alimentare. E’ compito del controllo qualità assicurare la rintracciabilità del prodotto lungo l’intera filiera produttiva, dalla materia prima fino al prodotto confezionato, organizzare e verificare la formazione del personale addetto alla produzione sulle buone prassi di lavorazione e sulla sicurezza alimentare in azienda. L’obiettivo dell’azienda è raggiungere la massima qualità mediante la diffusione, a tutti i livelli aziendali, di procedure che permettano di gestire, in ogni fase tecnologica, l’analisi del rischio, assicurando così il rispetto delle normative in materia di sicurezza alimentare. Negli anni l’Azienda ha ampliato e differenziato la tipologia di mercati: ha avuto, quindi, la necessità di analizzare il concetto di “Sistema Qualità” con l’obbiettivo di fornire prodotti sicuri che mantengano inalterate le qualità organolettiche e aiutino ad una alimentazione sana e nutriente. Partendo dall’applicazione puntuale e rigorosa delle procedure dell’HACCP e dall’implementazione della certificazione ISO 9001:2008, di carattere strutturale, si è giunti all’ottenimento di certificazioni specifiche: in particolare, l’azienda ha ottenuto nel 2008 le certificazioni BRC e quella IFS, di notevole rilievo internazionale. A queste si sono aggiunte anche le certificazioni Halal e quella etica Sedex Smeta 4 Pillars. Tali certificazioni consentono di scongiurare anche il rischio rappresentato dalla miscelazione con latte vaccino, le cui caratteristiche nutrizionali sono inferiori. La Contadina, infatti, lavora esclusivamente latte di bufala, evitando così il rischio di miscele anche accidentali durante il processo di produzione.